Panini porcellini

27 marzo 2018Cricchiadipao74
Blog post

Prep time: 2 hours

Cook time: 35 minutes

Serves: 6 persone

Calories:

I panini porcellini sono stati “rubati” al blog di Vale, a cui ormai attingo a piene mani anche se, di questo attingere, non lascio traccia.

Sono di quelle ricette che ti svoltano un buffet per bambini, visto che con pochissima fatica ed ingredienti a basso costo ottieni un risultato che rende felici i bimbi e attira lo sguardo dei genitori. Ovviamente i suoi sono venuti più belli, ma lei sa quanto poco sia precisa la sottoscritta e confido nel fatto che chiuda un occhio. Anch’io li ho riempiti con dei semplici würstel, ma di quelli piccoli, visto che il peso dei miei porcellini era di 45 g da crudi. Per gli occhi mi è tornato utile il fatto che abbia tre figli.

Quando mi hanno visto tirare fuori i chiodi di garofano hanno gridato all’unisono un sonoro: “Noooooooo!”

Ben informati di tutto quello che nasconde la nostra cucina, più informati della sottoscritta, sono andati a recuperare un pennarello con colori edibili che usavo ai tempi della pasta di zucchero. Avrebbero voluto dare libero sfogo alla loro fantasia con svariate espressioni da affibbiare ai porcellini ignavi, ma ho tarpato la loro vena artistica e provveduto io stessa: in effetti si poteva giocare ancora di più.

Fatto sta che hanno riscosso il successo desiderato e va bene così.

Visto che sono una che sta sempre in cucina, ma coi tempi frazionati, posso suggerirvi di prepararli in anticipo, surgelarli, tirarli fuori il giorno di cui ne avete bisogno e procedere alla cottura dopo averli fatti lievitare. Così potrete anticiparvi il lavoro ed avere un prodotto appena sfornato.

Con questa ricetta partecipo al The Recipe-tionist di Flavia.

Print Recipe

Panini porcellini

  • Prep time: 2 hours
  • Cook time: 35 minutes
  • Total time: 3 hours
  • Serves: 6 persone

Buffi panini di grande morbidezza a forma di maialino, col ripieno "porcelloso", di würstel o di salsiccia.

Ingredienti

Per il lievitino

  • 6 g lievito fresco
  • 30 g acqua tiepida
  • 60 g farina 0

Per l'impasto

  • lievitino
  • 440 g farina di tipo 0
  • 220 g acqua tiepida
  • 50 g strutto
  • 10 g sale
  • 10 g zucchero

Per i panini

  • 1 uovo
  • würstel piccoli

Procedimento

  • 1)

    Preparate un lievitino con gli ingredienti indicati, fatelo raddoppiare coperto di pellicola alimentare trasparente e dopo il raddoppio inseritelo nella boule dell’impastatrice. Aggiungetee la farina, l’acqua, lo zucchero, lo strutto e il sale.

    Impastate fino ad ottenere un panetto liscio.
    Ponete in una ciotola unta d’olio e fate lievitare fino al raddoppio.

    Nel frattempo, se si è deciso di usare salsiccia fresca, arrostirla su una piastra.

    Prendete l’impasto, ricavatene un filone e ottenere 10 pezzi da 75 g (se avete pesato bene dovrebbe essere rimasto un po’ d’impasto, che servirà per nasi, orecchie e code. Nel mio caso 45 g).

    Schiacciate ogni pezzo di impasto, prima modellato a forma di pallina, poggiatevi al centro un pezzo di salsiccia o würstel, richiudete a palla, arrotondate facendo roteare la palla sotto il palmo della mano.

    Formati tutti i panini, spennellateli con l’uovo sbattuto. L’uovo farà da collante, e se passa qualche minuto l’azione collante sarà più forte.

    Stendete un po’ d’impasto con le mani o con un piccolo mattarello ad una altezza di circa mezzo centimetro.
    Formate i nasi con un piccolo stampo. Tagliate in due uno stecchino e infilzate le due metà nel naso…diciamo nei cerchi di pasta. Spennellare il retro del naso con l’uovo e infilzarlo nel panino.

    Mettere gli occhietti di chiodo di garofano, se si usa il pepe incavare l’impasto con un punteruolo , e incastrare il pepe nell’incavo ottenuto. Ho usato il pennarello.
    Prendete due piccolissimi pezzi di impasto, schiacciateli tra le dita e posizionateli al posto delle orecchie.
    Se si vuole esagerare, incollate anche un codina sul (lato) posteriore del panino.

    Aiutandosi con una spatola posizionate delicatamente il porcellino in una leccarda ricoperta di carta forno.
    Quando tutti i porcellini sono pronti, accendete lo spiedo il forno, portarlo a 180 gradi in modalità statica, vaporizzare con una spruzzata d’acqua o qualche cubetto di ghiaccio sul fondo, e cuocere per circa 30/35 minuti.

    Liberate i nasi dagli stecchini.

    Servire tiepidi.

2 Comments

  • Vale

    27 marzo 2018 at 17:34

    No, vabbeh…. hai fatto i panini porcellini. Il fatto che attingi a piene mani dal mio blog, io che ti sono amica, lo so. Fosse solo perché poi mi mandi le foto delle cose che fai su whatsapp! Ma stare dietro al blog con tre figli e le loro molteplici attività extrascolastiche, il lavoro che ultimamente ti va alla stragrande (facciamo tutte le grattatio pallarum del mondo antijella). So quando e per chi hai preparato i paninetti, quello che non immaginavo è che partecipassi proprio con loro, che ho adorato, al The Recipe-tionist…. e addirittura non sul filo del rasoio 😀 Ad essere sincera avevo anche io il pennarello nero edibile nella scatola dei coloranti, potevo usarlo… ma il chiodo di garofano faceva più al caso mio in quel momento, e non ci avevo per niente pensato. Anzi, ora lo aggiungo come opzione alternativa anche nel mio testo! Ti sono venuti bellissimi, anzi, devo dire che differenziati uno dall’altro, chi con un sorriso, chi con un ghigno, chi con la boccuccia a culo di gallina, sono davvero buffissimi. Grazie per esserci stata, non sai quanto ha significato per me!

  • Elisa Baker(Flavia)

    3 aprile 2018 at 19:36

    Che io ami tutti e tre i tuoi bambini (facciamo finta che siano tutte e tre ancora bambini dai!!!) è ormai scontato, e il pennarello ce l’ho anche io e mi avete ricordato con questi porcellini anche dove lo devo aver nascosto! Oltre alla forma, leggendo la ricetta trovo che siano proprio un panino gustoso e credo copierò anche io senza ritegno!
    Vai avanti così ragazza mia, che vai benissimo!!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Recipe Next Recipe