Guancia di vitello stufata alla birra con topinambur e barbabietola

14 gennaio 2018Cricchiadipao74
Blog post

Prep time: 30 minutes

Cook time: 3 hours 30 minutes

Serves: 6 persone

Calories:

Passano gli anni, cambia il mio ruolo. Da mamma mi sto trasformando lentamente in detective spregiudicato. In realtà non c’è poi tutta questa differenza, da sempre le mamme sono lì attente ad ogni indizio, sempre all’erta, alla ricerca di dettagli che ti possano far capire l’umore dei tuoi piccoli. Ma quando questi piccoli cominciano a trasformarsi in esseri “ravanatori”, muniti di un’appendice che va costantemente controllata, non sia mai dovesse cadere per strada; quando cominciano a volersi tagliare i capelli “come piace a me”, quando perdono tempo a lavarsi, vestirsi e sistemarsi, il tuo ruolo di madre passa in secondo piano e la ricerca del dettaglio diventa fondamentale per cercare di capirci qualcosa. Sembra che siano sempre lì, pronti per fregarti, per dirti una bugia. Continui a ricevere conferme che in realtà non è vero: sono bravi, li hai cresciuti bene, ma sono talmente sfuggenti ed evasivi che sei sempre sul “chi va là”. Poi quando sei in macchina, tra un accompagno e l’altro, ti ricordi di com’eri: uguale, uguale. Ti ricordi che non volevi raccontare i cavoli tuoi, perché avevi bisogno di costruirti una tua identità. Non lo facevi per dire bugie o avere segreti, ma semplicemente per trovare una tua collocazione. Tutto questo lo sai, sai perfettamente come funziona, ma essere madri è una gran brutta bestia. E’ così strano passare da un cambio di pannolino ad uno sguardo che ti si sofferma negli occhi. Così bello, affascinante e grande, a volte troppo “grande” da poter gestire.

Print Recipe

Guancia di vitello stufata alla birra con topinambur e barbabietola

  • Prep time: 30 minutes
  • Cook time: 3 hours 30 minutes
  • Total time: 4 hours
  • Serves: 6 persone

Torna il quinto quarto sulla mia tavola. Amo le cotture lunghe, la pentola che sta ore e ore sul fuoco. I profumi che si spandono per casa.

Ingredienti

  • 2170 g guance di vitello
  • 1200 ml birra Poretti 3 luppoli
  • 2 carote
  • 1 porro
  • 1 foglia di alloro
  • 4 bacche ginepro
  • 6 bacche pimento
  • 3 barbabietole rosse con foglie
  • 300 g topinambur
  • 1 anice stellato
  • q.b. olio extra vergine di oliva
  • q.b. sale

Per il roux

  • 50 g burro
  • 50 g farina

Procedimento

  • 1)

    Accendete il forno a 160°.

    Fate scaldare sul fuoco un tegame di ghisa o comunque un tegame che possa andare in forno. Versatevi un filo d’olio e fate rosolare le guance da tutti i lati.

    Una volta rosolate toglietele dal fuoco mettetele da parte.

    Nel tegame versate un filo d’olio extra vergine di oliva e fatevi insaporire 2 carote tagliate in quarti, il porro, le barbabietole, sempre divise in quarti, il ginepro, il pimento, l’alloro e l’anice stellato.

    Versate la birra e portate ad ebollizione.

    Rimettete le guance nel tegame, salate e trasferite in forno per 3 ore.

     

    Togliete dal forno. Trasferite le guance su un piatto, filtrate il sugo e rimettete sul fuoco.

    Preparate un roux con 50 g di burro e 50 g di farina, versatelo sul sugo e fate addensare.

    Nel frattempo cuocete le barbabietole e il topinambur.

    Versate in due padelle distinte un filo d’olio extra vergine d’oliva e fate cuocere da una parte le rape, dopo averle pulite e tagliate a rondelle sottili; dall’altra il topinambur, senza privarlo della buccia, ma tagliato a spicchi. Salate entrambe.

    Servite le guance con la salsa, le rape, il topinambur.

    Potete decorare con del topinambur tagliato a julienne.

Notes

  • Con questa ricetta partecipo al contest di Federcarni.
  • Ho scoperto che si può lasciare tranquillamente la buccia al topinambur, basta spazzolarlo bene. Altra caratteristica di questo tubero è il fatto che cambi sapore da crudo e da cotto: provare per credere.

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Recipe Next Recipe