Bruschetta alle telline

9 luglio 2014Cristiana
Il litorale laziale, o meglio, quello dei dintorni di Roma non è che sia il massimo.
Ma tanto l’estate quest’anno è quella che è, col tempo che non si degna di regalarci una giornata di sole di quelle vere e allora accontentiamoci!
Le alternative per chi vive a Roma non sono poche, tra queste Fregene e Maccarese. 
Non riesco a fare il bagno da nessuna delle due parti, ma l’esser schizzinosi non placa la gola.
Da quando ero piccola c’è il leggendario tellinaro che con il suo rastrellone, spesso e volentieri autoprodotto, draga la sabbia alla ricerca di questi piccoli mitili.
A dirla tutta da bambina i dragatori eravamo noi tre fratelli, ma ora con le mani si trova poco e niente.
Quest’anno invece dei soliti signori di una certa età sono spuntati dalle onde due fustoni di 20 anni che,  più inclini al capitalismo e al soldo, hanno fatto un giro in spiaggia per vendere il raccolto.
Come tutti i presenti, neanch’io ho resistito…facendo finta di non sapere da quali acqua venissero.
La cosa più complessa è pulire 1 kilo di telline, ma per delle buone bruschette questo e altro! cri
Ingredienti (per 5 persone):

5 fette di pane da bruschetta
1 kg di telline
2 spicchi d’aglio
prezzemolo
olio extra vergine di oliva
peperoncino a piacere
Lasciare le telline in acqua salata per circa un paio d’ore per farle spurgare.
Far dorare gli spicchi d’aglio, con l’eventuale peperoncino, in un filo (abbondante!) di olio. 
Gettarvi le telline e farle aprire.
Una volta aperte, sgusciarle.
Abbrustolire il pane, ricoprirlo di telline e del prezzemolo tritato. A piacere o il sughetto di cottura o un filo d’olio extravergine.
Foto presa da qui

0 Comments

  • Nella Crosiglia

    9 luglio 2014 at 20:25

    Deliziose…mi sembra pure di sentirne il profumo!
    Potenza dell'appetito o voglia di telline!
    Bacio…

  • Michela Sassi

    9 luglio 2014 at 22:41

    Assolutamente fantastica… Mi piace tantissimo, veramente brava!
    Un abbraccio

  • Andrea

    9 luglio 2014 at 23:24

    Le telline sono buonissime, ma per aprirle tutte ci vuole una pazienza…! Comunque la tua bruschetta è ottima; io ci metterei sia un po' di acqua di cottura, sia un filo d'olio. Un abbraccio

  • La Greg

    9 luglio 2014 at 23:45

    Da piccola i miei zii potavano me è mia sorella al mare ad Ostia (al Buco per la precisione) ed io ricordo con piacere tanti tellinari…se si chiamano così…che raccoglievano con pazienza questi molluschi piccini ma pieni di sapore…
    Favolosa questa bruschettona…

  • Simona Mastantuono

    10 luglio 2014 at 1:41

    chissà cpme era buona e che profumo di mare…emanava..

  • sississima

    10 luglio 2014 at 10:00

    cavoli quanto è buona questa bruschetta, a me piacciono molto le telline! Un abbraccio SILVIA

  • Cristiana Beufalamode

    11 luglio 2014 at 2:08

    Il profumo in effetti si sente tutto…soprattutto sulle mani!!

  • Cristiana Beufalamode

    11 luglio 2014 at 2:08

    Grazie, come sempre troppo buona. Un abbraccio cri

  • Cristiana Beufalamode

    11 luglio 2014 at 2:08

    Vedo che sei un intenditore!

  • Cristiana Beufalamode

    11 luglio 2014 at 2:09

    anch'io li chiamo tellinari…mi sa che abitiamo dalla parte opposta della città!

  • Cristiana Beufalamode

    11 luglio 2014 at 2:10

    quello sicuro e chiudendo gli occhi si poteva anche immaginare un mare pulito!

  • Cristiana Beufalamode

    11 luglio 2014 at 2:10

    Grazie, a volte la semplicità paga! Un bacio cri

  • La Gaia Celiaca

    13 luglio 2014 at 1:04

    è una cosa per la quale potrei fare follie, nella sua assoluta semplicità.
    le arselle poi sono un classico del litorale toscano, la pasta con le arselle ancora più diffusa di quella con le vongole, e quanto sono buone…
    e comunque chapeau perché "lavorare" 1 kg di tellline è quello che si dice un bel lavoro, di quelli che dan soddisfazione… quasi come pulire casa, a proposito della nostra conversazione su FB 😉

  • Cristiana Beufalamode

    14 luglio 2014 at 19:45

    In effetti vedere il frutto del proprio lavoro nell'immediatezza a me soddisfa anche se per cose di minor importanza. La cucina, al contrario della casa, ancora di più perché vedo che la fatica viene apprezzata!

  • Annalisa T

    22 luglio 2014 at 14:33

    Ricetta originale !!!!
    Complimenti per il blog !!
    Mi sono UNITA TRA LE TUE LETTRICI !
    Se hai voglia di vedere i mie blog mi farebbe piacere !
    Food Wine Culture
    http://foodwineculture.blogspot.it/
    Blog di Ricette per i bimbi
    http://aboutcookingandmore.blogspot.it/

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post