Sfogliatine con lenticchie…di Yotam Ottolenghi: che scoperta!

29 dicembre 2013Cristiana
Ogni volta che porto le lenticchie in tavola ho due reazioni opposte: da una parte i bambini (eccetto la piccola) che iniziano a guardare con orrore il piatto, dall’altra il mio orso peloso a cui si stampa un sorriso da ebete in viso.
Per non scatenare tragedie spesso e volentieri le trasformo in polpette (il mio trucco per far mangiare ogni cosa ai bambini), ma vorrei tanto che iniziassero ad apprezzarle così…senza sotterfugi. 
Ieri ho rivisto “La vita di Pi” e, oltre alla bellezza della trama e della fotografia, mi è tornato in mente il mio periodo vegetariano e una gran voglia mi si è scatenata nel vedere le lenticchie rosse mangiate sotto forma di dahl, il sapore di spezie che ti rimbalza dal naso al cervello per poi arrivare a scaldarti per tutto il corpo.
Visto l’approssimarsi del Capodanno e visto il mio rifiuto nel mangiare il cotechino (scusate…ma quello proprio nun gliela posso fa!!), ho cercato una ricetta alternativa e mi è venuto in soccorso un libro appena ricevuto in dono, “Plenty” di  Yotam Ottolenghi, con una ricetta splendidamente speziata, leggera e perfetta come finger food.
Un’alternativa per mantenere viva la tradizione e cercar di di mangiare quante più lenticchie possibili per chiamar soldi nelle proprie tasche!
Ingredienti:

200 g di lenticchie di Colfiorito di Casale 1485
2 foglie di alloro
2 cucchiaini di semi di cumino
2 cucchiaini di semi di coriandolo
5 cucchiai d’olio extra vergine d’oliva
1 cipolla mediata tritata finemente
2 spicchi d’aglio
250 g di yogurt greco
50 g di spinaci freschi
2 cucchiaini di coriandolo tritato
3 cucchiaini di menta tritata
il succo di 1 limone
400 g di pasta sfoglia
1 uovo per spennellare
sale e pepe
Cuocere le lenticchie in un litro d’acqua con le foglie di alloro per circa 20-30 minuti. Scolare e mettere da parte.
In un padellino tostare i semi di coriandolo e cumino per 2 minuti circa. Pestarli in un mortaio fino a ridurli in polvere.
In una padella far stufare la cipolla a fuoco lento con olio d’oliva, fino a quando non si sarà ammorbidita. Unire le spezie polverizzate e gli spicchi d’aglio. Far andare ancora sul fuoco per circa 2 minuti. Aggiungere le lenticchie, far insaporire, togliere dal fuoco e lasciar raffreddare. Dopodichè aggiungere lo yogurt, gli spinaci tagliati a listarelle, le erbe, il succo di limone e dell’olio d’oliva. Aggiustare di sale e pepe
Con dei tagliabiscotti da 8 cm ricavare dei dischi dalla pasta sfoglia precedentemente stesa ad uno spessore di circa 3 mm. Farli cuocere in forno a 180° C dopo averli spennellati con l’uovo fino a doratura.
Servire i dischi di pasta sfoglia con sopra il composto di lenticchie e un filo d’olio d’oliva.
Con questa ricetta partecipo al contest di Casale 1485

0 Comments

  • sississima

    30 dicembre 2013 at 11:36

    hai fatto proprio bene a reinterpretare la solita ricetta con lenticchie e cotechino…rendendola assolutamente appetitosa, Felice Anno Nuovo, un abbraccio SILVIA

  • paola77

    30 dicembre 2013 at 12:29

    Buondì che bella rivisitazione delle lenticchie mi piace brava e in bocca al lupo per il contest e felice Anno Nuovo!

  • TataNora

    30 dicembre 2013 at 14:32

    Sai che ho messo nella lista dei libri da acquistare, questo di Ottolenghi, assieme a Jerusalem.
    Non mi ero ancora decisa ma, visto che sia tu sia Michela Beteavon mi avete incuriosito, penso che sarà il prossimo acquisto per la mia biblioteca culinaria.
    Buon anno Cri, a te, al tuo orso, alla tua famiglia ed un arrivederci a presto…spero!
    Nora

  • Günther

    30 dicembre 2013 at 15:41

    piace anche a me ottolenghi, psecie il suo ultimo libro, magnifica ricetta brava

  • 2 Amiche in Cucina

    30 dicembre 2013 at 22:53

    meraviglioso questo piatto, penso anche profumato, un abbraccio e tantissimi auguri di buon anno

  • sandra pilacchi

    31 dicembre 2013 at 2:46

    troppo buone queste!
    buon anno nuovo belle creature, che sia come lo volete!
    Sandra

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post