Trombe (avrei potuto chiamarli cannoli…ma c’è un perché) al tabacco con gelato al rum

5 luglio 2013Cristiana
Sono ignorante in campo musicale…di più…purtroppo…ma da sempre la musica riesce a smuovere qualcosa dentro di me…soprattutto certa musica. 
Ricordo da bambina le lacrime all’ascolto di Beethoven o di Vivaldi…uscivano così: da sole…un’empatia naturale…
L’album Buena Vista Social Club rientra tra le note che mi hanno emozionato…e che continuano ad emozionarmi…uscita dalle sale del docu-film ero completamente invaghita, comprai il cd e per giorni e giorni non feci che ascoltare…note che rilassano, che portano via, che fanno scordare….tu ascolti e pensi di essere altrove…
Appena letto del contest dell’estate ho pensato a loro…la ricetta mi è venuta in mente subito, ma per prima cosa ho cercato di capire se si poteva fare senza avvelenare nessuno…si perché l’idea era di usare del tabacco…
Ho trovato chi ovviamente ci aveva già provato (qui) e proprio ieri ho avuto la conferma che si può fare da un post di Fabiana….quindi ho la prova definitiva, a discapito di mio marito che continua ad accusarmi che lo voglia far secco…ma per tranquillizzarvi son tutti vivi: marito e figli!
Quindi con un infuso di tabacco ho preparato dei cannoli e, tanto per esser ancora più scontata, li ho farciti con gelato al rum….
Prima di concludere ringrazio T….marito di un’amica che, in maniera super spontanea, senza costrizioni di sorta, mi ha ceduto un pezzo del suo sigaro…’ngiorno! Cri
Per i cannoli (che poi non sono altro che cannoli siciliani modificati!!):

250 g di farina
30 g di zucchero a velo
50 g di burro
1 uovo
1 cucchiaino di cannella
1 cucchiaino di sale
80 ml di infuso di tabacco (Bolivar Petit Libertador “Exclusivo Francia”)

Preparare l’infuso al tabacco. Far scaldare una tazza d’acqua, poco prima che arrivi all’ebollizione spegnere il fuoco e mettervi il tabacco sbriciolato. Lasciare riposare coperto per circa 10 minuti.
La quantità di tabacco è minima…circa 10-15 g.
Mettere in una ciotola la farina, lo zucchero a velo, la cannella e il sale setacciati.
Aggiungere il burro morbido, l’uovo e lentamente l’infuso di tabacco fino a raggiungere la giusta consistenza…più o meno come la pasta all’uovo. Lavorare per circa 5 minuti.
Avvolgere nella pellicola e far riposare.
Scaldare dell’olio di semi di girasole.
Con lo stendi pasta ricavare delle strisce sottili che dovranno essere avvolte attorno a dei coni di metallo.
Una volta raggiunta la temperatura adatta mettere i coni nell’olio e farli cuocere fino a doratura.
Metterli ad asciugare su della carta assorbente.

Per il gelato (ricetta di Mapi):

300 ml latte
300 g zucchero semolato
250 ml panna fresca
45-50 g tuorli (da 3 uova grandi)
1 baccello di vaniglia
3 cucchiai di rum (Ron Zacapa)
Resa: 800 ml

…qui copio pari pari…:

“Tagliare a metà il baccello di vaniglia e metterlo in un pentolino insieme al latte e a metà dello zucchero. Mescolare per sciogliere lo zucchero, poi mettere sul fuoco e portare fin quasi a ebollizione. Togliere la pentola dal fuoco, coprire e lasciare in infusione per almeno 15 minuti per estrarre tutto l’aroma della vaniglia.

Nel frattempo montare i tuorli con il restante zucchero finché il composto “scrive”.

Riportare il latte quasi a bollore e versarlo a filo sulle uova montate mescolando continuamente con una frusta. Versare in un polsonetto protetto da frangifiamma e fare addensare la crema inglese fino a quando non velerà il dorso di un cucchiaio e avrà raggiunto la temperatura di 85 °C. Non superare questa temperatura o lo stadio della velatura del cucchiaio, altrimenti la crema si coagula e impazzisce. Toglierla immediatamente dal fuoco e immergere la base della pentola in una ciotola contenente acqua e ghiaccio mescolando continuamente, altrimenti si raffredda solo quella a contatto coi bordi del recipiente, mentre il resto rimane caldo. Se l’acqua si intiepidisce sostituirla con altra acqua fredda e ghiaccio per abbatterne rapidamente la temperatura. Quando la crema sarà fredda trasferirla in un barattolo a chiusura ermetica (lasciandoci ancora dentro il baccello di vaniglia) e far riposare in frigo almeno un’ora, anche tutta la notte: il composto deve essere freddo di frigorifero prima di passare alle fasi successive della lavorazione. Estrarre il baccello di vaniglia e aiutandosi con la lama liscia di un coltello raschiare tutti i semini e mescolarli alla crema; unire la panna liquida al composto e amalgamarla benissimo.”
Passata la nottata, avendo la gelatiera ho versato il composto a cui ho aggiunto 3 cucchiai di rum.
Una volta raggiunta la consistenza adatta l’ho trasferito in una vaschetta da gelato.

Al momento di servire ho farcito i cannoli con il gelato…
Il tabacco si sente? Obiettivamente resta una sensazione di pizzicorio in fondo al palato…
Ho notato che i cannoli si conservano bene in un contenitore di latta, ma che coi giorni l’aroma del tabacco si perde.

Con questa ricetta partecipo al contest dell’estate per l’Orchestra Buona Vista Social Club….

….e, visto che l’avevo fatto prima che spuntasse quest’idea, ne approfitto e mi tolgo una ricetta!
Col gelato di Mapi…- 22…credo!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post